News

Novara lì, 16 Febbraio 2018
 
Nonostante tutto andare a votare è importante
4 marzo 2018
E' importante più che mai mandare in Parlamento persone integre, che abbiano dato prove nella vita di essere capaci di fare, che non siano attaccati alle poltrone, che non facciano promesse vane manipolando attese, bisogni, paure

 
Non è moderno il male di una vita pubblica moralmente inquinata: sotto tutti i cieli, in tutte le epoche, con qualsiasi forma di governo, la vita pubblica risente i tristi effetti dell’egoismo umano. Quanto più è accentrato il potere e quanto più larghi sono gli afflussi di denaro nell’amministrazione pubblica (Stato, enti statali e parastatali, enti locali), tanto più gravi sono le tentazioni.
La funzione di controllo alle pubbliche amministrazioni, sia legale e tecnico, sia parlamentare, è un necessario limite agli abusi del potere, ma non è mai tale da impedirli. Se non c’è un’efficace vigilanza dell’opinione pubblica e una pressione popolare per la moralità amministrativa e politica, le corruzioni saranno tali da superare quelle famose di Chicago o di Tammany Hall a New York.
Ma c’è un altro pericolo, ancora peggiore: quello dell’insensibilità del popolo stesso di fronte al dilagare dell’immoralità nell’amministrazione dello Stato, sia perché attraverso partiti, cooperative, sindacati, enti assistenziali e simili, coloro che hanno in mano i mezzi dell’opinione pubblica partecipano alla corruzione dei politici o si preparano a parteciparvi con l’alternarsi dei partiti; ovvero perché tutto il potere e tutti i mezzi di opinione pubblica sono in mano ai governi.
L’immoralità pubblica non è caratterizzata solo dallo sperpero del denaro, dalle malversazioni e dai peculati. Applicare sistemi fiscali ingiusti o vessatori è immoralità; aumentare posti di lavoro senza necessità è immoralità; dare impieghi di Stato o di altri enti pubblici a persone incompetenti è immoralità; abusare della propria influenza o del proprio posto di consigliere, deputato, ministro, sindacalista è immoralità.
Oggi tutti lamentano l’immoralità privata: ragazzi di strada corrotti, ragazze prostitute, famiglie in disordine, profittatori della miseria per arricchirsi, disparità tra ricchi gaudenti e resti umani miserabili, senza vesti, senza tetto, senza cibo.
Ma non si corregge tale immoralità solo con le prediche o con articoli sui giornali. Bisogna che la prima a essere corretta sia la vita pubblica: ministri, deputati, sindaci, consiglieri comunali, cooperatori, sindacalisti siano esempio di amministrazione rigida e di osservanza fedele ai principi della moralità.
 
Se non ci fossero una firma e una data, queste parole potrebbero essere attribuite a un nostro contemporaneo, qualcuno di altissimo livello e di grande coraggio.
Siamo invece nel novembre 1946, il 3 novembre, e chi scrive è don Luigi Sturzo. Ci piacerebbe che i mass media dedicassero tempo ai curricula dei candidati di questa ennesima tornata elettorale. Ci sarebbe piaciuto che quelli che stazionano in Parlamento da anni senza nulla combinare avessero avuto il pudore e l’onestà di fare un passo indietro. Non hanno avuto né l’uno né l’altro. Ricordiamocene andando a votare.
 

(Foto: M.Mormile).


Novara lì, 26 Gennaio 2018
 
In nome di un Dio?
 
Era questo il titolo della conferenza proposta il 25 gennaio da Civitas, Essere Cattolici Oggi, Nova Jerusalem, Agorà, Unione Ufficiali in Congedo d’Italia e in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale Achille Boroli nella cui aula magna si è svolto l’evento. Pubblico delle grandi occasioni, come previsto, richiamato da due relatori d’eccezione: i professori Federico Leonardi e padre Claudio Monge. Il primo ha trattato il tema “Che succede in Medio Oriente? Dalla Prima Guerra Mondiale a oggi: le verità scomode della geopolitica”. La relazione di padre Monge ha invece riguardato “L’effettivo ruolo delle religioni e in particolare delle chiese cristiane tra potenzialità inespresse ed errori storici”.
In aula anche il signor prefetto Francesco Paolo Castaldo, rappresentanti dell’Amministrazione comunale e presidenti di prestigiose associazioni. A tutti i partecipanti il nostro sentito grazie.
 
Le foto dell’evento, di Riccardo Dellupi, sono disponibili su Google Drive.
 
Il video è su YouTube.
 

Don Luigi Sturzo.


Novara lì, 22 Gennaio 2018
 
Avviso
 
Care amiche e cari amici,
vi informiamo che per ragioni tecniche sono stati modificati il sito di e l’indirizzo e-mail di Civitas nel modo seguente:
www.civitas-eco.it
info@civitas-eco.it
 
Grazie per la vostra attenzione e la vostra amicizia.


Novara lì, 1° Gennaio 2018
 
Impresa o return on investment?
Don Luigi Sturzo, i giovani e la libera economia di mercato
Comunismo e capitalismo si sono rivelati grandi ingannatori, un grande imbroglio morale e intellettuale, nemici di una concezione economica libera, entrambi basati su poteri superconcentrati e manipolatori

 
Il comunismo avrebbe dovuto trasformare gli uomini da individui oppressi in persone protette dallo Stato, ma togliendo loro spirito d’iniziativa, responsabilità, creatività e dunque libertà. Per questo è fallito. Il capitalismo non fallirà, perché ha in sé la forza naturale della libertà economica. Ma cade nelle peggiori crisi quando questa libertà viene piegata a comportamenti immorali.
Ecco perché il pensiero di don Luigi Sturzo rappresenta ancora, o forse soprattutto, oggi una vetta del pensiero economico cattolico e liberale. Ci aiuta infatti a distinguere tra un sistema economico di libero mercato basato sull’impresa e un sistema dove al centro c’è la logica finanziaria che tutto distrugge e tutto soffoca. Sturzo è come sempre dalla parte dell’economia d’impresa, libera, contro il super capitalismo di cui vide profeticamente gli esiti nefasti che hanno contribuito alla terribile crisi di questi anni. Il travaglio che stiamo vivendo è il tormentato processo per tornare dal super capitalismo all’economia libera e umana, imprenditoriale e responsabile.
Ai giovani, Sturzo dice poche cose semplici, ma fondamentali. Dice:
• Prendete in mano il vostro destino. Non aspettatevi niente dallo Stato o da altre entità lontane o astratte, o da caricature grottesche dello Stato, come le Regioni;
• Forgiate il vostro futuro seguendo esempi e insegnamenti;
• Non scoraggiatevi. Diventate duri, testardi, indignati. Abbiate fiducia in voi stessi;
• Dovete essere molto preparati. Il nostro mondo così complesso richiede sempre più conoscenza, competenza, volontà consapevole, preparazione;
• Affrontate la fatica, non barattate mai la vostra dignità;
• Imparate più che potete e studiate più che potete.
 

Don Luigi Sturzo.


Novara lì, 1° Gennaio 2018
 
Dico la mia. Scrivono gli amici di Civitas
quello che non va nel multiculturalismo: mettiamoci insieme rinunciando ciascuno a qualcosa. E' questa la ricetta di qualcuno che si è fatto l’idea che il compromesso risolve
 
Pastrocchio inimmaginabile in cui tutti sarebbero scontenti. Sempre che da una parte e dell’altra ci fosse qualcosa a cui non poter rinunciare, un principio, una fede, una tradizione. Perché di questo si parlerebbe, non certo di un velo o di una veletta. Dunque siamo nel campo delle sette pertiche e delle illusioni. La verità, mi sembra, è che ci si può mettere d’accordo, tra diverse religioni, usi e costumi soltanto se e quando si sono imparati la conoscenza e il rispetto reciproco in modo che tutti siano liberi di praticare il proprio culto ovunque, tutti a porte aperte, tutti secondo regole e leggi di libertà e di democrazia. A fare una qualche concessione di qui e una qualche concessione di là ci abbiamo già provato. O meglio: hanno cominciato a provarci quei maestri, maestre, direttori scolastici che, un po’ in buona fede, un po’ in mala fede, un po’ per pigrizia, davanti al primo ragazzino islamico hanno deciso che il presepe poteva offenderlo. Quindi non facciamolo che non va bene. Chissà se quei maestri sapevano che Gesù è anche per l’Islam una figura storica, che il Corano lo cita decine di volte con una deferenza che tanti cristiani (si fa per dire) se la sognano. Magari lo sapevano, ma Gesù stava un po’ sui calli a loro. In compenso ci sono adesso dei politici – che non entrano in chiesa neanche per i funerali – che reclamano presepi da tutte le parti. Che sia propaganda contro i migranti?.
 
A.T.
 

Presepe in collina (Foto M.Mormile).


Novara lì, 1° Gennaio 2018
 
Il parere di Eurostat
Tassi di disoccupazione giovanile misinterpreted

 
Il paradosso a cui si arriva è che il tasso di disoccupazione giovanile tra i 15 e i 24 anni può essere molto elevato anche con pochi disoccupati e forze di lavoro ridotte. Questo è dovuto al metodo impiegato per costruire il dato. La preoccupazione di vederci chiaro deriva dalla necessità di comprendere il fenomeno più a fondo e in modo corretto: per trovare rimedi veri ai problemi occorre conoscere la situazione effettiva. Allo scopo di evitare che visioni distorte producano rimedi inadeguati. Quello che vien detto è che la disoccupazione giovanile è del 35%. Invece è il 10%.
Prendiamo per esempio i nostri ragazzi che svolgono qualche lavoretto stagionale. Sono studenti, ma ricevendo un sussidio di disoccupazione, contribuiscono a gonfiare il fenomeno. Eurostat ha fatto una prima indagine per il 2012: su una popolazione di 57,5 milioni tra i 15 e i 24 anni, risultano in media 5,6 milioni di disoccupati di età compresa tra i 15 e i 24 anni e 24,4 milioni di attivi (occupati+disoccupati). Se dividiamo 5,6 per 24,4 otteniamo un tasso di disoccupazione giovanile del 23,0%. Ma la differenza tra la popolazione e gli attivi è di 33,1 milioni di ragazzi studenti o neet. Se dunque al denominatore mettiamo i 57,5 milioni della popolazione otteniamo un’incidenza della disoccupazione pari al 9,7%. Dunque Eurostat e Istat hanno elaborato un indicatore più corretto per la fascia di età 15-24: L’incidenza della disoccupazione sulla popolazione. Questo indicatore ci dice più correttamente che nel 2016 al tasso di disoccupazione giovanile 15-24 del 37,8% corrisponde un’incidenza dei disoccupati sulla popolazione di età 15-24 anni del 10,1%.
 

Concerto rock. (Foto M.Mormile)

 
Torna alla pagina precedente